Behance o un sito personale classico?

Tra le domande che ricevo quotidianamente, questa credo che merita un approfondimento.

“Ma Bahance è meglio che avere un sito internet? Oppure va di pari passo?”

Stiamo assistendo ad una vera e propria epoca di rivoluzione su internet. Tante cose stanno cambiando, rispetto al vecchio internet. Se qualche anno fa si parlava di internet 2.0, oggi direi che parliamo di internet 4.0. Oggi i social sono al centro dell’attività internet di chiunque, che sia con Facebook, Instagram, Snapchat ,Tumblr o altro, i social sono parte integrante del nostro quotidiano e del nostro modo di comunicare.

Se fino a qualche anno fa, bastava avere un sito web, per segnare la nostra presenza online, oggi la storia è completamente diversa. Oggi dobbiamo essere presenti in più posti possibile e l’uno, non esclude l’altro. Ovviamente dipende anche dalle nostre preferenze personali…non è tassativo avere una presenza in ogni social ma, è importante, ragionarci su e capire, in quali dovremmo essere presenti e quali possiamo tralasciare.

Behance è uno dei posti in cui DEVI essere.

Behance, recentemente acquisito da mamma Adobe, è il punto di riferimento per chiunque cerca un talento o un nuovo collaboratore. Salvo rari casi, le agenzie non cercano più su Google ma tramite Behance. Se ci pensate, ha perfettamente senso. Behance è uno spazio per il nostro portfolio e ha la struttura perfetta per chi lo fruisce: un elenco di progetti e poi il dettaglio di ognuno, senza fronzoli inutili.

Il problema del sito web personale, è spesso la navigazione e la fruizione. Ci sono dei siti web personali, fatti cosi male, che un cliente non riesce nemmeno a visualizzare i lavori.

Sempre più spesso sento le richieste come:“Mi mandi il tuo Behance?”

Behance è diventato sinonimo di portfolio. Che ci piaccia o no, è cosi. A me personalmente la cosa piace e soddisfa molto, ma so che i piu tradizionalisti, continuano a sventolare alta la bandiera dell’importanza del sito personale.

Per me, il sito personale è assolutamente inutile, salvo che non vi serva una struttura particolare, per raccontare un qualcosa che, una struttura come Behance, non vi permette. Che poi…siamo certi che quello che vogliamo raccontare, interessi a qualcuno?

Behance + Blog

La struttura che consiglio e che ho adottato io, è quella di avere il portfolio personale su Behance e raccontare quello che ritengo importante, in un Blog. Perdere mesi inutili per realizzare un sito web, spendere e investire dei soldi, quando si ha a disposizione un perfetto portfolio come quello di Behance, lo trovo assolutamente senza senso.

Adobe Portfolio (Ex ProSite)

Se pensiamo poi, che Adobe ci offre un portfolio personale, sotto il nome di Adobe Portfolio, compreso nel costo della Creative Cloud, associabile a un nome di dominio personalizzato, allora davvero, non vedo più la necessità di un sito web, inteso nel vecchio senso del termine. A meno che non siete assolutamente certi, che la vostra idea di sito web personale, sia 10 volte più funzionale e utile al fine di promuovere il vostro portfolio, investire, nel 2016, in un sito personale non ha nessun senso.

Sito web personale

Un sito web personale, secondo il vecchio concetto di sito, presenta varie problematiche. Essere responsive, essere fruibile facilmente, avere una buona navigazione, avere la giusta dimensione per le nostre immagini, caricarsi velocemente e, tra le altre cose, essere trovabile su Google.

La stringa di ricerca più usata dalle agenzie, quando fanno un check su qualche artista, di cui gli è arrivato il portfolio, è spesso “nome + cognome + Behance”. Se non avete Behance, siete tagliati fuori da tanti discorsi.

Un sito web personale non serve, ma un nome di dominio personale si! La cosa migliore, come ho detto prima, è semplicemente collegare il vostro nome di dominio ad Adobe Portfolio e via, ogni volta che aggiungerete un progetto a Behance, potrete decidere se farlo vedere anche sul vostro spazio  Adobe Portfolio, con tanto di nome di dominio personalizzato.

Che valore aggiunto ha la vostra idea di sito?

Continuate a pensare che vi serve un sito? Bene, allora cercate di capire perchè? Cosa volete mostrare in questo sito? Quali funzioni ci dovete mettere, che un portfolio Behance non vi offre? Siete sicuri che queste cose in più, siano necessarie? Ricordate la regola del 80/20? Ecco, pensateci e pensateci ancora, se siete dell’idea di investire del tempo nella realizzazione del vostro sito, secondo il vecchio concetto del termine.

Il web è cambiato e con esso anche il comportamento delle persone. Il concetto di sito è diverso da prima. A nessuno interessa quanto è bello il vostro sito. Quello che interessa, sono i contenuti, i vostri progetti, non le stelline di sfondo che brillano.

[Tweet “Ricordate, Less is More e questo, vale anche per il concetto di Portfolio.”]

You might also like

Leave A Reply

Your email address will not be published.