Perspective Warp in Photoshop

perspective-warp-tool

Photoshop ha lanciato da poco un update piuttosto interessante. Si tratta di uno strumento nuovo che serve per variare e aggiustare la prospettiva delle fotografie e già vi dico, che sono questa implementazione è un buon motivo per passare alla versione CC di Photoshop!

La sua funzione è molto simile a quella del Puppet Warp ma è più immediato e fatto ad hoc per gestire le distorsioni prospettiche. Questo strumento è stato sempre desiderato dagli user di Photoshop che lavorano con i fotomontaggi. Il problema delle prospettive è uno dei punti più dolenti di questo tipo di lavoro e questo strumento, sembra risolvere definitivamente la questione.

Ovviamente se si lavora con Photoshop da qualche tempo, la prima cosa che si apprende è che lavoriamo coi pixel e che Photoshop non è in grado di inventarsi informazioni che non ci sono, Photoshop è il software più potente che ci sia di questo genere ma i miracoli ancora non li può fare.. Sappiamo anche che ogni volta che si distorce qualcosa, si spostano i pixel e di conseguenza, alteriamo l’immagine che, piano piano, perderà di qualità.

Appena ho visto il video dimostrativo dell’Adobe, ho accolto con piacere questo nuovo strumento ma ho già immaginato che non tutto fosse così perfetto come sembra.

Mettendo alla prova questo strumento ho deciso di realizzare un veloce fotomontaggio applicando il Perspective Warp (distorsione prospettica) ad un flusso di lavoro quotidiano di una persona che lo usa per lavoro e non per dimostrazioni del suo utilizzo e forse, perché no, portando un po’ lo strumento ai suoi limiti.

Ecco l’immagine compositata senza alcuna lavorazione, con l’automobile alla sua qualità originale:

perspective-warp-1

Ed ecco il risultato verso la fine della lavorazione:

perspective-warp-2

Lo strumento si comporta in maniera perfetta e fa davvero quel che promette. Purtroppo dopo molte manipolazioni è evidente la perdita di qualità subita dall’immagine che di partenza era molto generosa ai fini del test fornita gentilmente da Fotolia (foto dello sfondo di Venezia): 1735 x 1095 a 300 dpi (quadro complessivo dell’artwork).

perspective-warp-3

Il problema principale non è solo la perdita di qualità ma la perdita di definizione dell’immagine perché in questo modo si creano piani di nitidezza diversi e ne risentirà il realismo del compositing finale.

Conclusioni

Lo strumento Perspective Warp è fantastico e senza dubbio è una novità molto importante all’interno di Photoshop. Bisogna prenderlo per quello che è e non per uno strumento miracoloso. Perspective Warp è un distorsore che ci aiuta nel risolvere alcune situazione complicate ma non ci dà la licenza di usare materiale fotografico scadente e lavorare in modo errato.

Ricordate che la pre-produzione è la chiave di ogni lavoro di successo e benché esistano strumenti che ci possono aiutare nel correggere qualche problematica, è sempre bene partire da un materiale fotografico di base, all’altezza del progetto richiesto.

Detto questo, questo strumento è sicuramente un altro motivo per cui passare alla versione CC di Photoshop.

 

 

You might also like

Leave A Reply

Your email address will not be published.